Download Addio alla ragione by Paul K. Feyerabend PDF

By Paul K. Feyerabend

Questo libro di Feyerabend costituisce una dura sfida al razionalismo scientifico che sta alla base degli ideali occidentali di "progresso" e di "sviluppo", le cui conseguenze sono dannose sul piano sociale ed ecologico sono ormai largamente riconosciute.

Show description

Read Online or Download Addio alla ragione PDF

Similar italian_1 books

La fitoterapia in uno sguardo

Le droghe vegetali, a differenza dei farmaci di sintesi (o artificiali), contengono più sostanze farmacologicamente attive: tra queste si stabiliscono dei sinergismi e degli antagonismi che caratterizzano l’azione terapeutica del preparato vegetale (fitoterapico). Tuttavia, in keeping with molte droghe vegetali queste interazioni non sono nation ancora del tutto chiarite e tuttora se ne ignora il meccanismo d’azione.

Al di là di ogni ragionevole dubbio. La teoria dell'evoluzione alla prova dell'esperienza

Los angeles decifrazione del corredo genetico di numerosi animali, incluso l'uomo, e los angeles loro analisi comparata hanno confermato senza ombra di dubbio le potenti intuizioni che portarono Darwin a elaborare l. a. sua teoria sull'evoluzione della vita da un unico discendente comune. Il DNA, protagonista assoluto di "Al di là di ogni ragionevole dubbio", è da questo punto di vista un vero e proprio libro dove sta scritta l. a. nostra storia, di individui e di specie, e dove sono contenuti gli indizi rivelatori della nostra diversità e di come essa si sia evoluta.

Extra info for Addio alla ragione

Sample text

Dirò che è partito per i suoi pomi di petrolio o che è andato al cinema ed è scomparso. » « Quando sarai Florence Io dimenticherò, » il sorriso gli si piega in una smorfia di protezione, la mano gli corre a posarsi sulle carte disegnate sul comodino. Dice : « Disegni molto bene », con voce franca perchè simulante. Ma riponendo le carte sente un ¿ondeggiare duro sotto il centrino, fruga. Lo arresta la voce acuta di Moli: « Non, c'est le grand secret! » È tutta raggiante e lo sfida a rompere il divieto.

Lì almeno te le studiano seriamente. È lo stesso che ho spedito a curare Moli, la bambina dei Pauta, sai i cugini di Dionigi, quel fannullone presuntuoso. I nostri artigiani direbbero superò còme 'n'aragn, garg cóme 'n poi, ma già, superbo come un ragno e indolente come un pidocchio. Sanno cantartela chiara. Gli artigiani. Quelli chc danno fastidio sono i bórjóà. » « Certo, un poco. » «Bon. Per me bisognerebbe diffonderla. La gente sarebbe più contenta, sai, aiuterebbe a combattere il comunismo.

Ognuno al suo posto. » Si ode un fruscio. « Ninon? » domanda Elvira. « Sì, sì, è lei che va a dare da mangiare ai gatti. » « Mica li porta qui? » « No, no. Lo sa che ci sei e che non li puoi soffrire, poveri cari, luci sante. » « Non è vero che non li posso soffrire. È che perdono il pelo. Voìlà tout. » « Mah, pelo più, pelo meno. » « No, ti prego, non me lo dire, anche se è vero. » I tacchi di Ninon ed il suo debole grido di richiamo « pinin pinin pinln » suonano nella vecchia casa dei Noffa. « Ma Ninon?

Download PDF sample

Rated 4.27 of 5 – based on 19 votes